Ôªø Piano B
19 gennaio, 2006,16:00
Chirac e le atomiche: questa non l'ho capita.
In giro per il mondo molto si parla dell'odierna affermazione di Chirac, ovvero che la Francia è pronta ad usare armi nucleari contro qualunque Stato lanci attacchi terroristici contro la Francia.
Linguaggio criptico. Che vuol dire "Stati che lanciano attacchi terroristici"? Gli Stati, generalmente, fanno guerre. Gli attacchi terroristici sono opera di singoli gruppi con sigle più o meno fantasiose, e non portano ufficialmente firme di Stati. Con chi ce l'ha Chirac? Ha intenzione di tirare bombe atomiche in testa a gruppi terroristici qua e là, all'arabo nascosto in cantina o nella grotta? Oppure il suo è un messaggio a qualcuno che deve capire l'antifona?
Per una volta, non ho spiegazioni, neppure delle più ardite e cospirazionistiche. Brancolo nel buio. Qualche idea?
 
posted by Piano B
Permalink ¤


2 Commenti:


  • At 00:40, Anonymous upuaut

    **Gli Stati, generalmente, fanno guerre. Gli attacchi terroristici sono opera di singoli gruppi con sigle più o meno fantasiose, e non portano ufficialmente firme di Stati. Con chi ce l'ha Chirac?**

    Beh, con gli "stati canaglia", mi sembra ovvio. Gli USA hanno coniato questo termine per definire - e minacciare - tutti quegli stati che, a loro insindacabile giudizio, offrono sostegno o appoggio ai gruppi terroristici; Chirac non fa che riprendere il concetto. Che poi ce l'abbia con qualche stato in particolare e che si tratti di un messaggio trasversale e' estremamente probabile. Questa in fondo e' una potente arma di ricatto: se tu, stato qualsiasi, non fai quello che diciamo noi, ti facciamo passare per sostenitore attivo del terrorismo e ti nuclearizziamo. E poi potremo dire che t'avevamo avvertito.

    Ciao

     
  • At 20:08, Blogger Ale

    penso sia solamente per motivi elettorali, di mantenimento del potere per le prossime elezioni, anche se lui in persona non si ricandida, affermazioni nella scia:
    contro l'iraq
    contro l'europa
    contro tutto quello che fa brodo