Ôªø Piano B
20 dicembre, 2005,12:28
Olimpiadi Torino: la cacca sta al calduccio.
Pubblico una mail di persona che non nomino. Racconta cosa accade in quel di Torino, che si prepara alle Olimpiadi Invernali. Lo spreco non ha mai fine, e al picco del petrolio si accompagna inspiegabilmente anche il picco della cretineria umana. Siamo arrivati a riscaldare la cacca.

"In questo momento, a Sestriere e in altri siti olimpici, si stanno montando vasti tendoni di plastica destinati ad ospitare atleti e cortigiani durante i giochi. Tali strutture dispongono ognuna di impianto idrico e fognario.

Essendo poste a quote >1500 m con temperature dell'aria fino a -20 C, per evitare che acqua e liquami gelino, ogni tubo è stato fasciato da una resistenza elettrica di potenza pari a circa 4 kW per ogni 50 m. La fonte che mi ha informato, dice che - limitatamente agli impianti di sua conoscenza - sono stati posati almeno 5000 m di tubazioni riscaldate, che assorbono quindi circa 400 kW, prodotti con un generatore diesel appositamente installato nelle vicinanze per non gravare sulla rete elettrica locale. A ciò vanno aggiunti i generatori di aria calda per riscaldare l'interno dei tendoni, grossi e ingordi bruciatori a gasolio che ovviamente riscaldano più l'atmosfera esterna che l'interno del diafano "locale".

Notate che questo è solo un piccolo tassello del grande apparato olimpico.
Una vera strage termodinamica."
 
posted by Piano B
Permalink ¤


1 Commenti:


  • At 21:19, Anonymous ste

    La mia idea era sempre che con lo sport si potrebbe bene produrre energia invece di bruciarla. Immaginiti una palestra dove tutti pedalano col dinamo alla bici, penso qualche kw salterebbe fuori :-)