Ôªø Piano B
08 dicembre, 2005,18:13
NoTAV: "qualcosa avranno fatto".
Ho appena letto sul Corsera un ignobile editoriale di Panebianco che si intitola "Il copione dell'illegalità". Per riassumerlo in due parole, non ne merita di più, il succo è che i NoTAV si comportano contro la legge e quindi sono da biasimare, condannare ed eventualmente manganellare nella loro componente noglobal (le casalinghe no, pare brutto).
Mi chiedo come uno che scriva certa immondizia possa fare editoriali sul Corriere, ma ormai ci siamo abituati.

Tale analisi politica, a un livello di cui il mio fruttivendolo si vergognerebbe, mi ha fatto tornare alla mente ciò che mi raccontava un amico argentino. Ai tempi del regime, quel regime che buttava persone dagli aerei che ho menzionato qualche post fa, spesso accadeva che sparisse la gente all'improvviso. E quale la reazione dei vicini, dei conoscenti, alla notizia? "Qualcosa avrà fatto", dicevano. Cioé, se la polizia lo ha preso, evidentemente ha infranto la legge... anche se era una legge che proibiva libertà di parola, di pensiero, di opinione, di associazione, di stampa. C'è la legge, e bisogna obbedire, e se tu non obbedisci sbagli.

Forse non tutti ricordano che, per le Grandi opere, è stata approvata una legge secondo cui non è più necessaria l'approvazione degli Enti locali, delle amministrazioni comunali, dei cittadini. Si fa, e basta. Se vogliono aprire una centrale nucleare al centro di Assisi, beh possono farlo. Traforare le Dolomiti? Se a qualche Ministro interessa l'affare, nessuno può impedirglielo.
I NoTAV stanno disobbedendo a questa legge, null'altro. Come i dissidenti argentini disobbedivano alle loro leggi fasciste.
Ma c'è sempre, qui come a Buenos Aires, il Panebianco di turno a dire:"Beh, qualcosa hanno fatto".
 
posted by Piano B
Permalink ¤


4 Commenti:


  • At 22:11, Anonymous upuaut

    Bel pezzo. Hai ragione, quella legge e' una porcata.
    Stasera ho sentito su radiopopolare uno speciale sulla TAV; tra le altre cose hanno ricordato la polizia beffata dai valligiani, che dovevano essere "arginati" dalle forze dell'ordine e che invece, grazie alla perfetta conoscenza dei sentieri di montagna, spuntavano dappertutto *piu' in alto* dei cordoni di polizia. Oggi con questo sistema - andar per sentieri - si son ripresi il sito di Venaus; erano in 50000, sembra. Qualcuno ha anche ricordato che quelle valli hanno visto molte invasioni e da ultimi i tedeschi, tenuti in scacco dai partigiani e piu' volte sconfitti. E mi e' sembrato che lo spirito dei partigiani soffiasse ancora forte nelle parole della gente, mica in frange estremiste, come da Roma cercano di far credere, ma proprio in tutti, uomini, donne, vecchi, ragazzi, tutti. Se qualcuno in alto loco ha ancora in mente di usare la forza, prima dovrebbe farsi un giro in valle per capire con cosa ha a che fare e quanto sia *decisa* questa gente.

     
  • At 00:35, Anonymous Anonimo

    Stessa mentalità di chi dice, anche di fronte l'evidenza, che i polizziotti non han caricato.... veramente è una Vergogna... Io ormai li ignoro, sono disposti a devastare tutto quanto per farsi i soldi....

     
  • At 01:58, Blogger Un Italiano Qualunque

    Intanto POLIZIOTTI è se mi permetti con una sola Z; detto questo, trovo vergognoso la sinistra che sta cavalcando l'onda ai fini politici. Tutti sappiamo che questo "foro" lo hanno voluto loro, per chi non lo sapesse, dietro c'è NOMISMA, non sapete di cosa si tratta? Provate a chiederlo al PRODE ROMANO, magari vi sa dare una risposta adeguata. La torta da spartire è di 13 miliardi di euro, mezza finanziaria, chiaro?

    Ritornando alla legge obiettivo da te citata, se mi permetti era inevitabile scavalcare le amministrazioni locali, però secondo me dovevano essere tutelati sotto una forma diversa. Se ricordi, senza questa legge, nessuna opera andava avanti appunto perchè gli amministratori locali lo impedivano. Lo vogliamo modernizzare sto paese o no?

     
  • At 12:24, Blogger Piano B

    Non riesco a trovare la parola poliziotti, con una o due z, in tutta la pagina. Potresti indicarmela?

    Quanto alla sinistra, se leggì più sotto, scoprirai che c'è un post che parla proprio dell'inciucio sulla TAV, dove tutti hanno il loro tornaconto. Infatti la sinistra non cavalca proprio niente, purtroppo, e si mantiene ferma sulla favoletta "siamo tagliati fuori dall'Europa".
    Esattamente la stessa favoletta in cui credi tu: sta arrivando una crisi energetica senza precedenti, la TAV non sarà neppure finita per il 2020. Modernizzare il Paese significa tutt'altro che queste favolette che servono a coprire i guadagni dei politici.

    Grazie per il tuo commento.