Ôªø Piano B
29 novembre, 2005,12:45
Vitamina C e raffreddore: i miracoli accadono.
Non credo di aver mai preso un'influenza in vita mia, ma passo da un raffreddore all'altro: di quelli brutti, con la sinusite, il mal di testa, i quintali di fazzoletti e dieci giorni di tosse per soprammercato.
Sabato sera (complice una sigaretta fumata all'addiaccio) ne è arrivato un altro. Stavolta ho deciso di dare retta ad Internet, sì, proprio a quelle "voci incontrollate che mettono a repentaglio la nostra salute". Ho cominciato a prendere una pastiglia di vitamina C da 180 mg. ogni quattro ore, notte esclusa. 180 mg è l'ideale, perché una dose superiore (malgrado quel che sostiene la Rete americana...) viene eliminata dall'organismo ed è quindi inutile.
Ebbene, ecco il risultato: il raffreddore è già passato, niente sinusite, niente mal di testa, niente tosse, guarigione completa. E siamo a martedì, non posso crederci, di solito tre giorni dopo sono ancora a letto rantolante!
Costi? Un euro: il prezzo di una confezione da venti pastiglie effervescenti di vitamina C (180 mg l'una) comprata al discount. Eccipienti controllati: niente aspartame, presenti invece i bioflavonoidi. Alla faccia di chi sostiene che con gli integratori ci rubano i soldi.

(Contadino: so che hai ragione che dovremmo affidarci al cibo. Ma per avere lo stesso risultato avrei dovuto bere due ettolitri di spremute di arance bio. Morivo di gastrite.)
 
posted by Piano B
Permalink ¤


1 Commenti:


  • At 16:07, Anonymous Anonimo

    Un consiglio prendi l'Acido Ascorbico (vit. C) in farmacia, in polvere sembra zucchero. Da 3 a 6 euro massimo 100 grammi. E' molto meglio dell'integratore. Ascorbizzato