Ôªø Piano B
06 settembre, 2005,12:29
Soccorsi a New Orleans: ritardo deliberato?
No, sui forum e blogs americani nessuno (o quasi) insinua che l'uragano Katrina sia stato provocato da segrete armi sperimentali, o che la città sia stata "preparata" per un disastro. Più di qualcuno, però, sostiene che i ritardi nei soccorsi siano tutt'altro che casuali. Testimonianze di soccorritori affermano che tutto era pronto per entrare nella città fin dal primo giorno, e sono stati costretti ad attendere un ordine di intervento dall'alto che è arrivato solo 4 giorni dopo. Ma perché ritardare deliberatamente? Certamente non per fare un ripulisti di cittadini indesiderati, come altri avventatamente sostengono, visto che comunque il numero di vittime non soddisferebbe tali diabolici disegni. Qualcuno ravvisa il tentativo, da parte del governo americano, di cogliere un'opportunità unica: quella di vedere dal vivo ciò che viene costantemente studiato nei vari modelli di probabilità. Cosa accade in una città abbandonata a se stessa? Come si sviluppa la reazione di una popolazione gettata in un'anarchia a causa di un disastro, un bombardamento, oppure più probabilmente... una distruzione improvvisa delle risorse? Ebbene, adesso lo sanno:
Giorno 1) Choc e disperazione
Giorno 2) Cominciano i saccheggi
Giorno 3) I più deboli cominciano a morire
Giorno 4) Iniziano le uccisioni e le rivolte
Collateralmente, hanno scoperto anche che le forze dell'ordine disertano, si suicidano o si alleano ai "rivoltosi".
L'esperimento è sicuramente stato interessante, per chi l'ha messo in atto. Un po' meno per i topi da laboratorio a cui non è stato chiesto il permesso.
 
posted by Piano B
Permalink ¤


1 Commenti:


  • At 16:42, Anonymous Anonimo

    splendido blog, ed interessantissimi spunti di riflessione. complimenti

    MindPrison

    www.freeiraq.splinder.com